Produzione

Nel corso degli anni l’attività di Pianigiani Rottami si è sviluppata secondo le richieste di un mercato in espansione con il forte e marcato impegno di fornire risposte operative moderne e adeguate alla emergente problematica dei rifiuti

FILIERA DEI ROTTAMI FERROSI E METALLICI

01.

LA CESOIATURA

Grazie alla nostro impianto Cesoia Vezzani 1000 riduciamo la dimensione dei rottami ferrosi pesanti, industriali e dei pacchi auto destinati alla frantumazione.

Mulino

02.

LA FRANTUMAZIONE

Tramite la frantumazione del Mulino Magnatec da 1500 cv, la Pianigiani Rottami, ottiene un flusso primario di proler e flussi secondari di materiali misti (plastiche e metalli), che poi vengono rilavorati nelle linee di selezione.

Proler

03.

LA SELEZIONE

L’azienda, tramite impiantistica S.G.M., è in grado di selezionare sulla base di principi diversi – peso, magnetismo, dimensione granulometrica, densità, colore – metalli, cavi di rame, motori elettrici e plastiche.

FILIERA RAEE

Smaltimento RAEE

Nell’installazione sono attualmente gestiti RAEE del raggruppamento R2 rappresentati da:

  • Lavatrici,
  • Lavastoviglie,
  • Apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche,
  • Apparecchiature di grandi dimensioni diverse da quelle elencate nel paragrafo 4 dell’allegato IV del D. Lgs. 49/14.

I RAEE vengono smontati manualmente dai nostri operatori che provvedono a rimuovere le componenti in cemento, vetro e legno oltre alle schede elettroniche ed ai condensatori. Il residuo ferroso rimanente viene successivamente processato nel mulino di frantumazione.

FILIERA CARTA DA MACERO

I rifiuti cartacei sono sottoposti inizialmente a cernita manuale da parte dei nostri operatori per rimuovere frazioni improprie (plastiche miste) al suo interno. La carta, una volta sottoposta a controlli specifici, viene poi compattata con la nostra pressa TEMA e recuperata come EOW (End of Waste).

FILIERA LEGNO

La filiera tratta i rifiuti legnosi provenienti da raccolte differenziate e ritirati nelle isole ecologiche della Provincia di Siena e Arezzo, da falegnamerie e dal nostro impianto di selezione degli imballaggi misti. Il legno viene triturato dal nostro impianto mobile DOPPSTADT, tolta la parte ferrosa con magneti e successivamente inviato ad aziende produttrici di pannelli in truciolato, viene quindi attuato un recupero totale del legno.

FILIERA CAVI ELETTRICI E INDOTTI

Filiera Cavi e Indotti - Granulazione

I rifiuti costituiti da cavi elettrici provengono dal nostro impianto di selezione (imballaggi misti e linee s.g.m) e dalla frantumazione del rottame di ferro. I cavi di rame sono costituiti prevalentemente da cablaggi degli autoveicoli e dei RAEE. I cavi vengono triturati, deferrizzati e quindi granulati tramite impianto FORREC. Alla fine del processo si ottiene rame rispondente alla classificazione EOW (End of Waste).

FILIERA GOMME

Filiera riciclo gomme

Gli pneumatici provengono dalla bonifica delle automobili. Il processo prevede la rimozione del cerchio in ferro e/o alluminio e successivamente gli pneumatici vengono inviati ad aziende che fanno parte del consorzio P.F.U per la successiva granulazione. Il prodotto finale viene poi destinato ai campi sportivi per la manutenzione delle piste da corsa e come sottofondo dei campi in sintetico.

FILIERA IMBALLAGGI MISTI

Filiera imballaggi misti

Gli imballaggi misti sono ritirati dalle aziende di produzione e di servizio del territorio toscano. Una volta al nostro centro vengono cerniti dall’ impianto di selezione attraverso il quale vengono recuperati:

  • Legno
  • Carta
  • Plastiche
  • Ferro
  • Polistirolo

La parte non recuperabile viene destinata alle discariche autorizzate.